domenica 24 settembre 2017

RELEASE PARTY: "Verso la base" di Kate Stewart - Recensione

Pubblicato da AlessiaM a 18:20:00 0 commenti


Ben trovati Readers! Oggi partecipiamo al Release Party organizzato dalla Triskell Edizioni in occasione dell'uscita del primo libro della mini serie Balls in Play, ovvero "Verso la base" di Kate Stewart, che sarà presente al RARE18 di Roma del prossimo anno e potremo dunque incontrare! Pronti per scoprire tutto su questo romanzo?

Titolo: Verso la base 
Autrice: Kate Stewart 
Editore: Triskell Edizioni 
Lunghezza: 245 pagine 
Prezzo ebook: € 4,99 
Pubblicazione: ebook 25 settembre 2017


Trama: Alice Boyd si è trasferita a Charleston per diventare un’istruttrice di volo, pensando di trovarsi a vivere un’esperienza alla Top Gun, ma scoprirà molto presto che la realtà è ben diversa. 

Nonostante tutto, è determinata a fare di ogni giorno il migliore della sua vita, soprattutto dopo essere finalmente riuscita a sottrarsi al controllo della madre, un po’ troppo opprimente.

Vuole sperimentare tutto ciò che la nuova città ha da offrire, inclusa la squadra di baseball e il suo lanciatore di punta, Rafe Hembrey.

Rafe non è pronto per i sentimenti che Alice risveglia in lui. È ancora in attesa della convocazione nella Major League, e quella in corso dovrebbe essere la sua stagione decisiva. Eppure scopre che c’è qualcos’altro nella sua vita che può renderlo felice…



Recensione: Inizio questa recensione parlandovi subito dei protagonisti di questa storia.

Alice, ossessionata da Google, è una ragazza con una mamma più che religiosa, quasi paranoica; come dice lei stessa. Una madre soffocante, che la controlla in ogni istante e non le permette di far nulla senza il suo permesso, che le impedisce di uscire con i ragazzi e vedersi con le amiche rinchiudendola in casa per preservare la sua virtù. Virtù che Alice ha già perso tempo prima. Forse perché a causa dell’abbandono del marito e in seguito al loro divorzio, la mamma di Alice si è chiusa in se stessa, terrificata dal mondo esterno e dalle persone che ci vivono, tentando di rimanere loro distante. Per questi e anche per dedicarsi al suo lavoro come istruttrice di volo, la ragazza decide di andare via di casa e di trasferirsi a Charleston, con l’intento di costruire da sola la propria vita. Ed è li, in quella città,  che i suoi occhi incontrano quelli di Rafe.

Rafe, lanciatore ed uno dei migliori giocatori di baseball degli Swampgators, un ragazzo bello, sexy e affascinante che nemmeno a dirlo ha uno stuolo di ragazze ai piedi; non disdegna il buon sesso, soprattutto quello per scaricare la tensione prima e dopo le partite. E’ proprio il giorno in cui giocano la prima partita in casa della stagione che il suo cammino collide con quello di Alice, anche se il vero momento in cui si scambieranno le prime parole, sarà successivo.  Un primo incontro divertente e scoppiettante che nessuno dei due ha dimenticato.

Da quel momento in poi i due si incontreranno molte volte in diverse situazioni sia volontariamente che involontariamente e fin dall’inizio, ogni qual volta che si ritrovano vicini, possono chiaramente una strana forza attrarli, quasi come la gravità. Fin da subito vediamo un Rafe molto deciso: sa quello che vuole, ovvero lei: il suo corpo, i suoi baci, la sua pelle; vuole possederla tutta e sentirla sua e non è intenzionato a rinunciare al suo scopo. Alice d’altro canto inizialmente non è assolutamente disposta a lasciarsi distrarre da quel ragazzo: il lavoro è la sua priorità…farsi degli amici va bene, ma andare oltre assolutamente no. Dunque la vedremo sicuramente dare del filo da torcere a Rafe e rifiutare ogni tentativo di flirtare con lei... Secondo voi è riuscita nell’intento di resistere al suo fascino? Quali cose si inventerà? Vi assicuro che ne rimarrete sorpresi e la cosa vi divertirà un mondo perché darà il via ad una sorta di gara, una caccia da parte sua che proprio non riesce ad accettare il rifiuto della ragazza. 

Devo dire che entrambi i personaggi sono ben caratterizzati: lei è una ragazza forte, decisa ma che nasconde molte incertezze su di se e il proprio corpo che la portano ad essere timida e poco espansiva; lui ovviamente come vi dicevo classico dongiovanni con sempre una ragazza a disposizione, ama il football e il suo scopo e quello di passare alla storia ed essere ricordato per le sue gesta.  Insieme faranno fuoco e fiamme e sarà bello leggere di loro ed assistere all’evolversi del loro rapporto, alle loro incertezze, alle loro indecisioni, alle loro discussioni ed incomprensioni.


“Avevo passato la maggior parte della giornata a guardarla lavorare instancabilmente, coperta di sole e sudore. Quando si fermava un attimo,il suo sguardo si posava sempre su di me, e il suo sorriso mi rubava il fiato. Più di una volta pensai di mettere fine alla farsa dell’essere “amici”. Tra noi due c’era qualcosa. Anche a un campo di distanza potevo percepire il bisogno che entrambi avevamo di colmare quel divario. Quando mi guardava in quel modo mi veniva voglia di fermare il tempo. Alice stentava a nascondere la sua attrazione per me, e più di una volta lo stronzo che c’era in me avrebbe voluto farglielo confessare, ma non volevo spaventarla. Si era sentita a suo agio a tenermi la mano e non volevo mandare tutto a puttane. La sola sensazione di stringergliela mi aveva fatto sentire invincibile. Era una droga, nel senso buono.”


Intorno alle loro vicende si muoveranno anche altri personaggi tra cui la mamma di Alice,  April la sua vicina di casa, il migliore amico di Rafe ovvero Andy e Kristina la barista del suo locale e poi molto amica di Alice, ed infine Beth la donna che Alice incontra alla partita di Rafe e sua prima amica in quella nuova città. Anche loro, chi in un modo chi nell’altro, saranno partecipi agli incontri-scontri tra i due, ai loro scambi di battute, alla loro chimica e ai loro litigi.  Ma ciò che era iniziato come semplice attrazione, una cosa puramente fisica, inaspettatamente con il passare del tempo li coinvolgerà ad un livello molto più profondo di quanto pensassero: insieme condivideranno molte cose, si confideranno sul loro passato e sulle loro speranze per il futuro, insieme rideranno, si divertiranno, vivranno momenti unici e speciali.  Mai con nessun’altro hanno provato quello che sentono ora e questa cosa li spaventa, li disorienta, eppure li incuriosisce, li emoziona. La loro relazione sarà un continuo crescendo e migliorando, certo ci saranno delle incomprensioni e difficoltà che in una buona storia non mancano mai, ma vedremo Rafe per la prima volta totalmente coinvolto da una ragazza e non solo fisicamente, sono anche il suo cervello, il suo carattere e il suo cuore ad essere per lui un dolce richiamo che non riuscirà a lungo ad ignorare. 








E' stato bello assistere all'evolversi della loro relazione e al cambiamento che in entrambi porterà l'amore: quello vero, puro e incondizionato, un'unione di corpi e di anime che condividono ogni più piccola parte di sè. Questo romanzo ci farà sognare, divertire, sperare, gioire, soffrire ma soprattutto amare: in primis noi stessi con tutte le nostre imperfezioni e i nostri pregi e in secondo luogo la vita, con le sue difficoltà e momenti bui che prima o poi passano; ma soprattutto ci insegna a fare tesoro di quell'amore che arriva all'improvviso nelle nostre vite, inaspettato e non cercato, ma che ci cambia completamente.

Una storia ben scritta con uno stile chiaro, ben curato e molto diretto; semplice e coinvolgente che ci porterà ad entrare a capofitto nella storia e sentire come nostro tutto ciò che i personaggi vivranno; una storia allo stesso tempo dolce e passionale, con  momenti molto hot che non guastano e la giusta dose di romanticismo. Una lettura che non potete assolutamente lasciarvi scappare, un romanzo perfetto e del quale non vi svelo altri particolari, perché sta a voi scoprire il resto.
Dunque lettura consigliata! Vi ricordo che l’autrice sarà al RARE18 a Roma il prossimo anno e dunque avrete modo di conoscerla di persona!  - Ale



VALUTAZIONE

Recensione: "Innamorarsi a Disneyland" di Erika Cotza

Pubblicato da AlessiaM a 14:14:00 0 commenti
Ben trovati Readers! Oggi vi parlo di un romanzo uscito il 1 Settembre  in Self, ovvero "Innamorarsi a Disneyland" di  Erika Cotza. Venite a scoprire cosa ne penso!

Titolo: Innamorarsi a Disneyland
Autore: Erika Cotza
Editore: Self Publishing
Genere: Contemporary Romance
Pagine: 230 
Data di Pubblicazione: 1 settembre 2017
Prezzo: € 1,49 (ebook)

Trama: Un ragazzo che diventa re e una cagnolina di razza che si innamora di un vagabondo. Com'è strano il mondo.


Chi capisce le donne è bravo, ma non è il mio caso.
Accompagnare mia sorella e le mie adorate nipotine a Disneyland si sta rivelando una pessima idea: quattro femmine sono troppe da gestire. Amo alla follia il sangue del mio sangue, ve lo giuro, ma sto seriamente pensando di farmi adottare.
Possono bastare una donna isterica, una neonata e due gemelle che sanno manipolarmi meglio di chiunque altro? No, certo che no. Il destino si sta divertendo a rendermi la vita impossibile e Liliana ne è la prova.
Dannata Rossa! Mi farà impazzire, ne sono certo.
Farmi travolgere così da una ragazza non è da me. I colpi di fulmine non esistono, lo sanno tutti, e allora perché mi sto comportando come un pivello? Perché sto vivendo in balia degli eventi, con la speranza che prima o poi arrivi un'illuminazione divina?
Non so cosa mi stia succedendo.
Mi sento strano.
Non sarà che...
Oddio, esistono davvero!
Penso di essermi innamorato.
Aidez-moi.
Help me.
Aiutatemi.


Recensione: Disneyland: è questo il luogo magico che farà da sfondo a questa favola moderna: Liliana è lì per una piccola vacanza in solitudine e Arturo per accompagnare la sorella e le tre figlie al parco divertimenti.

Lei è una bella ragazza di ventotto anni, vive ancora con la famiglia e lavora in una fabbrica di caramelle vegane, non ha un fidanzato da tempo immemore e la sua ultima relazione con un certo Paolo è finita in disastro: la sua dunque è una vita semplice e monotona, con poche occasioni di svago e divertimento e dunque la visita a Disneyland è per lei anche un l’opportunità di staccare dai ritmi della solita vita.

Lui ragazzo trentaduenne, è invece lì con la sorella e quelle pesti delle sue nipoti, è rimasto scottato dalla sua ultima relazione finita con il tradimento di lei per cui ora non ha relazioni stabili con le ragazze ma è solito invece divertirsi con loro per una notte o poco più; con un fisico attraente e due occhi azzurri che ti catturano è abituato avere ogni ragazza cadere ai propri piedi. E’ proprio per questo che quando vede Liliana per la prima volta sull’aereo che li avrebbe portati in Francia, ne rimane colpito: la sua innocenza, la sua freschezza e bellezza lo sconvolgono, con quei capelli rosso fuoco che lo avvolgono nelle fiamme della passione sembrano non spegnersi. Lui la nota subito ma lei sembra non accorgersi nemmeno di lui e questo il lato un po’ narcisistico di Arturo non riesce a spiegarselo! Questo primo quasi incontro è fugace e dura pochissimo tempo.

Quasi fosse destino Arturo dopo quel primo avvistamento, continuerà a scorgerla in diverse occasioni: sul pullman in uscita dall’aereoporto e poi nell’albergo nel quale entrambi alloggiano. Lei diventerà una vera e propria ossessione per lui che la seguirà e terrà sotto controllo ogni qual volta sia possibile e tenterà di farla cadere ai suoi piedi. Quando finalmente anche lei lo nota, ne rimane subito affascinata: quel primo vero incontro sarà alquanto imbarazzante, con lui quasi completamente nudo nel bagno che condividono in albergo. Inutile dirvi quali siano state le condizioni mentali della nostra dolce rossa dopo una tale celestiale visione..ovvero quelle che sarebbero state quelle di noi tutte!
Dopo aver fatto la propria conoscenza, il nostro bel gruppo composto da Lilli, Artù con sua sorella e le nipoti andranno a far visita al tanto agognato parco giochi e lì tra divertimento, gioia e risate i nostri due protagonisti condivideranno molti momenti insieme. Momenti che permetteranno loro di conoscersi meglio, di condividere ricordi passati e nuove esperienze e soprattutto di entrare sempre di più in sintonia.

Artù e Lilli sono due bei personaggi semplici e solari; lui molto diretto ma con una timidezza che nasconde; lei anch’essa molto timida e insicura: sono l’incastro perfetto, due persone molto diverse ma con più cose in comune di quanto avrebbero potuto immaginare. Il fraintendimento iniziale circa la relazione di lui con quella che poi è in realtà appunto la sorella, porterà ad alcune scene divertenti a cui assisteremo e nelle quali la nostra Lilli sarà molto in imbarazzo. Ma scoprire che il ragazzo che l’aveva tanto affascinata in realtà non è sposato ne ha delle figlie, riaccende in lei la speranza che finalmente la ruota giri dal verso giusto e che possa aver incontrato finalmente quello giusto per lei. 

L’attrazione tra i due è innegabile: si attirano l’uno all’altra come due calamite e nonostante tutto lei si trova a volte a respingerlo più volte. Le sue relazioni passate l’hanno segnata ed ora ha difficoltà a fidarsi degli uomini, ma Artù con la sua dolcezza piano piano riuscirà a scalfire la sua corazza e scavarsi un piccolo passaggio tra le mura per raggiungere il suo cuore. Arriverà il momento in cui Lilli dovrà fare i conti con se stessa non potendo più negare quello che in poco tempo è arrivata a provare per lui.

“Le sue mani si spostano sulle mie guance e la sua bocca è subito sulla mia.

Dovrei respingerlo. Razionalmente dovrei farlo, ma non ci riesco.

Le nostre lingue si uniscono e mi accorgo che era da tanto che non mi sentivo così viva. Proprio come quando esci dall’acqua dopo esser rimasto sotto fin troppo a lungo. Ecco, ora mi sento così.

Artù è sollievo.

Artù è aria.

Artù è respiro.

Afferro il colletto della sua giacca, mi aggrappo a lui e a tutto ciò che sto provando.

Non voglio staccarmi.

Non voglio pensare.

Non voglio tornare alla realtà.”


La loro è una forte passione che scoppia e non si consuma mai: non mancheranno alcune scene hot da mozzare il fiato che non sono esagerate ne scadono mai nel volgare, ma sono anzi giuste, misurate e perfettamente plasmate sulla storia e sull’evolversi frenetico dei loro sentimenti. Questo romanzo è il giusto mix: dolcezza, passione, ironia, gioia, dolore e divertimento si intrecciano tra di loro dando vita ad una storia che ha tutte le caratteristiche per essere la lettura perfetta!
Qui tutto procede per gradi, nulla è affrettato ma ad ogni cosa viene dato il suo tempo: sebbene la vacanza che condivideranno è molto breve, il loro rapporto sarà intenso; l’alternanza nei capitoli dei due Pov poi ci permette di avere una visione completa delle vicende e di leggere pensieri e sentimenti di entrambi. Ciò che è nato come un colpo di fulmine tra loro si rivelerà essere un amore forte, vero, sincero che supera il tempo, la distanza e i confini; quell’amore giusto che si aspetta per tutta la vita e che una volta trovato non si è disposti a lasciar andare per nessun motivo. E quando verranno a galla le piccole bugie di lui e il fatto che quest'ultimo l’ha vista per la prima volta sull’aereo e l’ha seguita e osservata da quel momento, le piccole certezze di Lilli inizieranno a vacillare e metterà in discussione la sincerità del ragazzo…la rabbia e la paura di essere nuovamente ferita la porteranno a fuggire e scappare via da lui, ma Artù non si arrenderà e tenterà di riconquistarla..e poi si sa, per fortuna l’amore vince sempre. 






‘Innamorarsi a Disneyland’ è una storia dolce e divertente; ho molto apprezzato l’ironia che pervade tutto il romanzo, la lettura non è pesante ma anzi molto scorrevole e fluida. Lo stile dell’autrice è molto semplice, chiaro e diretto. Gioiamo, ridiamo e ci divertiamo insieme ai personaggi e ciò permette al lettore di leggere il romanzo in un battibaleno;, aiutato anche dal fatto che questo è della perfetta lunghezza, né troppo corto né troppo lungo e che l’autrice abbia dedicato il giusto spazio a tutto.  
Che altro dirvi? Ovviamente è una lettura che vi consiglio, ottima per trascorrere qualche ora spensierata e rilassante lontano dalla frenesia della vita! - Ale


VALUTAZIONE
 

365 Days Of Books Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos